Dalla brama alla liberazione escursioni nel pensiero del buddhismo antico (1) Bhikkhu Analayo. Introduzione. I saggi riuniti in questo libro sono versioni modificate di voci originariamente comparse nella Encyclopaedia of Buddhism, pubblicata in Sri Lanka. Il significato di ogni termine viene illustrato con particolare riferimento ai discorsi antichi in lingua pali, utilizzando come materiale collaterale altre fonti, fra cui opere pali più tarde, versioni parallele dei discorsi conservate in cinese, o letteratura secondaria. La prima parte del libro tratta principalmente dei fattori o stati mentali ostacolanti che occorre superare; quella intermedia è dedicata alla coltivazione della visione profonda; la terza e ultima temi legati alla meta di tale coltivazione. La raccolta inizia perciò prendendo in esame fondamentali fattori mentali inquinanti come la ‘brama’ e la ‘passione’, che occorre comprendere e superare. Poiché la passione è uno stato assai simile al desiderio sensuale, che è il primo della tradizionale serie dei cinque impedimenti, quest’ultimo non viene trattato come tema a sè stante, ma dalla passione passo direttamente a trattare i successivi quattro impedimenti: ‘malevolenza’, ‘indolenza-etorpore’, ‘irrequietezza-e-preoccupazione’ e ‘dubbio’.AUTORE: Bhikkhu Anālayo è nato in Germania nel 1962 e ha ricevuto l’ordinazione monastica in Sri Lanka nel 1995. Nel 2000 ha completato una tesi di dottorato sul Satipaṭṭhāna-sutta all’Università di Peradeniya, pubblicata in inglese da Windhorse (Satipaṭṭhāna, the direct path to realization, 2003) e tradotta in diverse lingue occidentali e orientali. Nel 2007 Bhikkhu Anālayo ha presentato uno studio comparato dei discorsi del Majjhima-nikāya con le versioni parallele preservate in cinese, sanscrito e tibetano come tesi di abilitazione alla libera docenza presso l’Università di Marburgo. Attualmente è membro del Centro di studi buddhisti dell’Università di Amburgo come libero docente, e lavora come ricercatore presso il Dharma Drum Buddhist College, a Taiwan. Oltre all’attività accademica, Bhikkhu Anālayo insegna meditazione in Sri Lanka, come insegnate di S.N. Goenka, nella tradizione di U Ba Khin.
Dall’attaccamento al vuoto è una selezione di studi su temi fondamentali al centro della riflessione esistenziale del buddhismo indiano antico, tra cui: l’attaccamento, la retta visione, la visione profonda, la vacuità. Questi brevi saggi, originariamente pubblicati nella Encyclopaedia of Buddhism (Sri Lanka), chiariscono il significato di questi argomenti sulla base dello studio testuale dei discorsi in lingua pali. AUTORE: Bhikkhu Anālayo è nato in Germania nel 1962 e ha ricevuto l’ordinazione monastica in Sri Lanka nel 1995. Nel 2000 ha completato una tesi di dottorato sul Satipaṭṭhāna-sutta all’Università di Peradeniya, pubblicata in inglese da Windhorse (Satipaṭṭhāna, the direct path to realization, 2003) e tradotta in diverse lingue occidentali e orientali. Nel 2007 Bhikkhu Anālayo ha presentato uno studio comparato dei discorsi del Majjhima-nikāya con le versioni parallele preservate in cinese, sanscrito e tibetano come tesi di abilitazione alla libera docenza presso l’Università di Marburgo. Attualmente è membro del Centro di studi buddhisti dell’Università di Amburgo come libero docente, e lavora come ricercatore presso il Dharma Drum Buddhist College, a Taiwan. Oltre all’attività accademica, Bhikkhu Anālayo insegna meditazione in Sri Lanka, come insegnante di S.N. Goenka, nella tradizione di U Ba Khin.
Domande e risposte Estratto dal libro Il tempo della meditazione Vipassana, pubblicato da Ubaldini editore.